Descrizione immagine
Descrizione immagine
Descrizione immagine

La Cooperazione territoriale europea (CTE) è uno degli Obiettivi Prioritari della politica di coesione e fornisce un quadro per realizzare azioni comuni fra attori di diversi Stati al fine di affrontare sfide che prescindono dalle frontiere e richiedono l’adozione di azioni comuni di cooperazione. I programmi CTE rappresentano quindi uno strumento utile a contribuire alla politica di coesione territoriale europea ed a supportare gli obiettivi strategici regionali.


La Cooperazione Territoriale Europea si inserisce nell’ampio panorama di interventi programmati dalla Comunità Europea con il fine di rafforzare la coesione economica e sociale al suo interno e ridurre il divario tra i livelli di sviluppo delle varie regioni

La Cooperazione Territoriale Europea è una forma di intervento dell’Unione europea che permette il finanziamento di progetti di collaborazione e di investimento congiunto fra soggetti Pubblici e (in taluni casi) privati, di nazioni diverse in diversi settori di intervento.

La Cooperazione territoriale europea (CTE) è finanziata dal Fondo europeo di sviluppo regionale (Fesr) e si suddivide in: transfrontaliera, transnazionale ed interregionale.

CTE 2014/2020 E L'ITALIA

I territori italiani risultano eleggibili a 19 programmi di cooperazione territoriale europea.

In Italia, la cooperazione territoriale è attuata attraverso:


- otto programmi di cooperazione transfrontaliera Italia-Francia marittimo, Italia-Francia Alcotra, Italia-Svizzera, Italia-Austria, Italia-Slovenia, Italia-Croazia, Grecia-Italia, Italia-Malta


- quattro programmi di cooperazione transnazionale: Central Europe, Med, Alpine Space, Adrion


- tre programmi di cooperazione transfrontaliera esterna , dei quali uno finanziatio da IPA (Italia-Albania-Montenegro) e due da ENI (Italia-Tunisia e Mediterranean Sea Basin)


- quattro programmi di cooperazione interregionale che coinvolgono tutti i 28 Stati membri dell’UE, Svizzera, Norvegia, Islanda* e Liechtenstein*: INTERACT III, INTERREG Europe, URBACT III, ESPON 2020.

 

Quasi tutte le regioni italiane sono interessate, in tutto o in parte, dai programmi transfrontalieri (ne sono escluse soltanto il Lazio, la Campania, la Basilicata e la Calabria)

* Solo per ESPON.